Che ci vado a fare a Londra?

Firenze, 30 Maggio 2014

Caro diario,
è ormai una settimana che sono tornato ad allenarmi insieme ai miei compagni azzurri in vista dei Mondiali. Essere tra i preconvocati di mister Prandelli mi ha dato una grande gioia, ma devo dire che in fondo un po’ me l’aspettavo. E’ proprio quello che ci voleva, dopo tutte le delusioni di quest’anno: arrivare settimi non fa mai piacere, a maggior ragione se giochi nel Milan.

Come la storia di Seedorf. Certo che a volte i giornali ne inventano di fesserie… Noi che giochiamo contro Clarence per farlo cacciare? E per cosa poi, per farci insultare da tutto San Siro e sui social? Il bello è che dicevano lo stesso anche quando c’era Allegri: ma lo volete capire una volta per tutte che siamo dei professionisti, o no? Non siamo tutti dei ragazzini viziati, abbiamo anche una certa età. Anzi, alcuni non lo son proprio mai stati, neanche ai tempi delle giovanili. Per quanto mi riguarda, so benissimo di non aver giocato la miglior stagione della mia carriera, e in generale i tifosi hanno tutto il diritto di contestarci. Certe volte però la gente si dimentica di quanti sacrifici si facciano anche solo per provare ad arrivare a questi livelli: allenamenti tutti i giorni dopo la scuola, dieta ferrea, niente uscite con gli amici, niente vacanze… Scusa per la banalità, ma la verità è che le parole a volte possono fare davvero male.

Per non parlare poi della storia dell’Europa League: ci siamo andati così vicino, e il ripescaggio del Toro ai danni del Parma non ha fatto altro che rigirare il dito nella piaga. Fuori da tutto per la differenza reti, roba da matti! E pensare che sarebbe bastato che Franco a Bergamo non avesse azzeccato il gol del secolo al 95′… Che ci vuoi fare, ormai è andata così.

Dai, un ultimo sforzo e poi si parte per il Brasile. Domani ci tocca pure la stupida amichevole con l’Irlanda. Ma io dico: che cavolo le fanno a fare queste partite inutili a due settimane dal mondiale? Tanto bene o male il mister la sua idea su chi portare se l’è fatta, non sarà certo una partita così a decidere il destino di uno di noi. Beh, però forse per Pepito… Spero che vada tutto bene, perdere il mondiale per colpa dell’ennesimo infortunio sarebbe davvero una mazzata per lui.

Sinceramente non saprei proprio cosa pensare. L’unica cosa buona di sta partita è che hanno deciso di assegnarmi di nuovo la fascia da capitano. Dopo il Milan pure la Nazionale… non ci posso credere! E pensare che l’ultimo anno qui a Firenze, quando ormai tutti sapevano che mi ero promesso a Galliani, me l’hanno tolta ed ero fischiato dagli stessi che fino a poco prima erano miei tifosi. Brutta storia…

A proposito di promesse, un po’ mi dispiace di non aver potuto festeggiare a dovere il mio matrimonio con Cristina. Quest’anno tra il Milan, il ritiro con la nazionale e il Brasile non avremo molto tempo per noi. E ritorniamo alla partita di sabato: io che ci vado a fare a Londra? Tanto il mister me l’ha già detto, sono uno dei pochi a non essere in discussione. Avrei preferito mille volte starmene a casa con mia moglie, almeno questo weekend: invece mi toccherà prendere l’aereo, stare giusto mezza giornata e poi tornare di nuovo a Coverciano. Che vuoi farci, è il mio lavoro. E vabbé, facciamoci piacere anche sta scampagnata in Inghilterra… tanto, alla fine, cosa potrà mai succedere?


Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...